La discriminazione è una disparità di trattamento senza un motivo giustificato: le persone sono trattate peggio di altre solo a causa di una determinata circostanza personale (ad esempio genere, età, razza, origine etnica, l’handicap, orientamento sessuale, convinzione religiosa…). La discriminazione è definita dall’articolo 4 della Legge sulla tutela contro le discriminazioni come “qualsiasi trattamento, distinzione, esclusione o restrizione o omissione ingiustificata effettiva o legale indebita a causa di circostanze personali,  che abbia lo scopo o l’effetto di ostacolare, diminuire o annullare l’eguale riconoscimento, godimento o esercizio dei diritti umani, i diritti e libertà fondamentali, altri diritti, interessi legali e benefici”. In Slovenia la discriminazione dovuta a ogni tipo di circostanze personali è vietata. Le circostanze personali come definite dalla Legge sulla tutela contro le discriminazioni sono:

  1. Genere
  2. Nazionalità/Origine etnica
    • Razza
    • Lingua
  3. Religione o convinzioni personali
  4. Disabilità
  5. Età
  6. Orientamento sessuale
  7. Identità di genere
  8. Espressione sessuale
  9. Stato sociale
  10. Situazione economica
  11. Istruzione
  12. Altro – categorie:
    • Cittadino di un paese dell’Unione Europea
    • Cittadino di un paese terzo
    • Luogo di residenza
    • Altro

La discriminazione è illegale nei seguenti settori della vita sociale:

  • condizioni per l’accesso all’occupazione, all’attività autonoma e alla professione, compresi i criteri di selezione e le condizioni di assunzione, indipendentemente dal tipo di attività a tutti i livelli della gerarchia professionale, compresa la promozione;
  • accesso a tutte le forme e a tutti i livelli di orientamento e consulenza professionale, istruzione e formazione professionale, perfezionamento professionale e riqualificazione professionale, compresi i tirocini,
  • condizioni di assunzione e di lavoro, compresa la cessazione del rapporto di lavoro e salari,
  • l’affiliazione e l’attività in un’organizzazione di lavoratori o di datori di lavoro o in qualsiasi organizzazione i cui membri esercitano una particolare professione, nonché alle prestazioni erogate da tali organizzazioni,
  • protezione sociale, compresa la previdenza sociale e l’assistenza sanitaria
  • prestazioni sociali,
  • istruzione e formazione,
  • accesso a beni e servizi e alla loro fornitura, incluso l’alloggio.

Il Difensore del principio di uguaglianza, in conformità con la legge sulla tutela contro la discriminazione, svolge procedure per la determinazione della discriminazione ed esegue alcuni altri compiti di controllo dell’attuazione di questa legge.

Il Difensore del principio di uguaglianza avvia la procedura di infrazione per discriminazione sulla base di una “Denuncia contro la discriminazione” presentata dalla persona discriminata. La procedura di infrazione per discriminazione può anche essere effettuata d’ufficio.

Se ritenete di essere discriminati, compilate la “Denuncia contro la discriminazione” o chiamateci, siamo disponibili tutti i giorni lavorativi dalle 10 alle 12 e il mercoledì dalle 15 alle 18 al nostro numero verde 080 81 80 (numero accessibile solo dalla Slovenia).